Educazione Digitale Online

Corsi di Informatica a Distanza

Gestire e proteggere il tempo della navigazione

Vota questo articolo
(0 Voti)
Tempo della navigazione Tempo della navigazione

Navigare in Internet può soddisfare molte curiosità. L'effetto di soddisfazione alle innumerevoli domande è davvero notevole. Pur vero però che non si ha tempo infinito per cui è certamente meglio limitare la propria curiosità ai temi che ci interessano strettamente.

Quando si apre un link credendo di effettuare un download e questo propone un file con estensione .exe annullate l'operazione. Il più delle volte si tratta di un file che installerà un programma commerciale il cui intento è solo quello di far spendere soldi.

I link immagini: i pop-up si possono disattivare ma spesso l'informatica trova le sue vie alternative. Un sito malevolo non assillerà con continue stimolazioni a comprare o a sottoscrivere contratti.

Imparare ad individuare siti che abbiano contenuti validi: testi troppo brevi (meno di ½ pagina di testo) sono indice che il sito ha come vero scopo quello di vendere pubblicità.

Partire dai motori di ricerca. Google, Yahoo... ricercare per singole parole o per combinazione di parole.

Cosa non fare sul web

La prima cosa da evitare seriamente su Internet è “perdersi”.

Perdersi in Internet non è come perdersi in un bosco, da Internet si può sempre uscire, basta chiudere il browser, spegnere il computer. Perdere l'orientamento nel Web significa piuttosto non trovare ciò che si sta cercando (un'informazione, una soluzione, un prodotto da acquistare, un albergo da prenotare, …). Perdersi in modo ancora più generale significa navigare e farsi contaminare e riempire di informazioni e nozioni sterili e disconnesse fra loro. Il rischio più grave del perdersi in internet è prima di tutto la perdita di tempo, accumulo di informazioni inutili. Il cervello è assai potente, ma non dovete sopravvalutare la sua capacità di smaltimento degli stimoli. Oltre un certo livello si incorre nel rischio di stress informativo. Evitare di stressare il cervello con un eccesso di nozionistica.

Mantenere sempre la bussola sui propri obiettivi aiuta a selezionare quello che ci è veramente utile con quello che non lo è. Solo in questo modo è possibile riuscire ad organizzare la propria conoscenza fornendole una solida struttura.

La navigazione casuale dovrebbe essere circoscritta a circostanze ben precise.

Evitare la pornografia e il gioco d'azzardo, sono concepiti per risucchiare l’utente all'interno di un meccanismo di dipendenza. Sono sistemi che fanno leva sui vostri livelli di dopamina.

Evitare i siti di giochi online anche questi sono concepiti per calamitarvi con la scusa della sfida. L'obiettivo di questi siti è quello di vendere spazi pubblicitari e guadagnare con i clic.

Non scaricare e non installare programmi gratuiti ricordate nessuno fa niente per niente, spesso i programmi nascondono virus o programmi studiati per rubare le password e i vostri numeri di carta di credito.

Non bisogna fare donazioni con carta di credito a meno che questi non abbiano un forte accreditamento di pubblico.

Evitare i siti web che tolgono tempo

I siti che si è soliti frequentare sono preziosi: l'indirizzo web della banca online, i siti delle previsioni meteo, i motori di ricerca che si è soliti usare, il forum preferito; i collegamenti ai social network più conosciuti, lo stesso indirizzo internet del blog è importante.

Per evitare di perdere tempo prezioso imparate a usare i segnalibri. In quasi tutti i browser esiste la possibilità di personalizzare la così detta “barra dei segnalibri” preferiti; ad es. in Mozilla Firefox la sua posizione si trova immediatamente sotto la barra degli indirizzi.

I link utili in gruppi tematici. Poter creare delle cartelle di indirizzi analoghi: i link ai servizi di Google, i link ai conti correnti bancari, i link ai propri siti internet, il gruppo dei link ai siti web delle previsioni meteo.

Organizzare e gestire l’elenco dei segnalibri con una certa continuità vi farà risparmiare tempo nella navigazione. Da destra verso sinistra organizzare i collegamenti web dal più importante al meno importante o meno utilizzato. Conservate la posizione dei segnalibri in modo da ritrovarli quasi automaticamente quando se ne ha bisogno.

Non avete tempo da perdere quindi anche digitare l'indirizzo di un sito può far perdere istanti preziosi che cumulati nel loro complesso rappresentano potenzialmente la inefficienza produttiva.

Cliccare sul link della banca, accedervi immediatamente, inserire login e password, verificare il saldo contabile e uscire dal proprio conto bancario è un'operazione che a regime lavorativo non deve richiedere più di qualche minuto.

Un tempo per avere il proprio estratto conto bancario richiedeva una mattinata in banca fra file e compilazione di formulari e richieste. Oggi l’innovazione ci aiuta in questo minimizzando i tempi di consultazione del proprio conto bancario.

La stessa ricerca online di un sito utile non deve far perdere tempo. Una volta che si è scovato un sito interessante bisogna ricordare subito di salvarlo nella “barra dei segnalibri”.